Diario di bordo

Ma, noi? Ci conosciamo?

Oppure si potrebbe anche dire  “Ma, tu? Chi sei?”

Detta in maniera scherzosa, ma è un pensiero che potrebbe passarci per la mente ad un primo incontro con una persona sconosciuta. Qualche soggetto più sospettoso potrebbe aggiungere “…e cosa vorrà?” 😀

Ed ecco che arriva in nostro aiuto il rito del saluto che nel bene e nel male ci toglie ogni dubbio.

Ma, qual’è il modo rispettoso e di conseguenza corretto di approcciarsi con un cane al primo incontro?

Intanto c’è da dire che noi esseri umani cerchiamo troppo spesso di scindere la nostra mente, ossia lo stato d’animo, dal corpo. Ci proviamo, ma per quanto ci sforziamo, le nostre emozioni inevitabilmente, anche solo in maniera impercettibile, si riflettono nelle nostre espressioni facciali, nella nostra gestualità.

Ed ecco che entra in scena lui, il cane. Un maestro del linguaggio non verbale.

Per di più, mentre noi siamo immersi in un mondo di immagini e parole, il nostro amico a quattro zampe invece lo fiuta. Grazie al suo super-olfatto, riesce a distinguere ed elaborare gli odori ai massimi livelli.

Come ogni stimolo dell’ambiente provoca una risposta del soggetto, “l’odore della paura” può provocare nel cane stress, disorientamento, paura e di conseguenza la necessità di stare alla larga o di allontanare l’individuo che lo emana.

Al contrario “l’odore positivo” genera felicità, serenità, curiosità, voglia di conoscersi e giocare.

Di seguito qualche suggerimento su come comportarci al primo incontro con un cane:

  • Manteniamo un atteggiamento rilassato e pacato cercando di sgomberare la mente da pregiudizi e stereotipi.
  • Chiediamo il permesso di conoscere/accarezzare il cane al suo responsabile umano.
  • Ci facciamo dire il nome del cane e gli tendiamo la mano chiamandolo per nome. Nel caso il cane dimostri interesse, avvicinandosi ed annusando/leccando la nostra mano, possiamo passare al prossimo punto.
  • Ci accostiamo lateralmente al cane e lo accarezziamo nella zona spalle, collo o petto. Mettere la mano sulla testaNO!!! La testa è una parte del corpo considerata molto intima che potrebbe risultare sgradevole concedere al primo arrivato.
  • Coccoliamo il nostro nuovo amico per qualche secondo.
  • Sospendiamo le attenzioni. Se il cane dovesse allontanarsi, significa che il rito del saluto è terminato e ne prendiamo rispettosamente atto. In caso contrario, sarà il cane ad avvicinarsi per chiedere ulteriori attenzioni.

Se uno o più dei punti elencati dovessero risultare “fastidiosi” per noi, oppure ci dovessimo trovare leggiadramente abbigliati, tanto da non poter assolutamente reggere una zampata o qualche pelo, non ci avviciniamo per salutare il cane. Indipendentemente da quanto carino, dolce o magari batuffoloso questo possa essere. Insomma, approcciare o richiamare l’attenzione anche a distanza per poi ritrarsi non è coerente, può generare confusione nel nostro amico e soprattutto non è un buon modo per fare amicizia. 

Io & Spock vi auguriamo una fantastica domenica con tanti piacevoli bau-incontri. 

Cinzia Bellini.

 

Link utili:

  I consigli di Betta “come si accarezza un cane”

 

5/5 (11)

Vota questo contenuto

3 pensieri su “Ma, noi? Ci conosciamo?

  1. Amore. Vero amore!! Che bello sapere che c’è un amico che ti pensa ogniqualvolta passa nella zona dove ti ha conosciuto. Apprendere che è passato, provare dispiacere per aver perso l’occasione di vederlo ma sentire il cuore gonfio di gioia perché ti ha cercato.
    Grazie Spock, Cinzia, Max ogni incontro è un momento di gioia; quando Vi penso sorrido 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *